L’ORA DEL CAMPARI – Crivel

Crivel sings an 1930’advertising one-step by Roger Dufas .78RPM Quando al fine d’un giorno noioso La gaiezza risorge nel cuor Cerca ognuno il perché prodigioso E domanda con grande stupor Donde viene questa gioia verace Ogni crisi finita è davver Forse al mondo ritorna la pace, no, credete, è un motivo più ver Se d’affanni, vecchi malanni, non si sente più novella Se ciascun sorride lieto e la vita trova bella Se ragione misteriosa a gioir ciascuno appella Questa è ora senza pari, questa è l’ora del campari Brilla il sole nel cielo in festa o di pioggia si inondi il terren a quest’ora nel cuore si riversta il pensiero che tutto va bene poi che la gioia salta e vermiglia e il sol ci rifiuta calor campari l’ha chiusa in bottiglia onde tutti ripetono in cor Se d’affanni, vecchi malanni, non si sente più novella Se ciascun sorride lieto e la vita trova bella Se ragione misteriosa a gioir ciascuno appella Questa è ora senza pari, questa è l’ora del campari Quando gli stranieri in carovana Dalle brume di nordico suol ripercorron la terra italiana Nel tepore dell’italo sol Ammiran sui colli di Roma nuove glorie ed eterno splendor Ma lasciando dei fiori l’aroma con rimpianto ripeton tra lor Se d’affanni, vecchi malanni, non si sente più novella Se ciascun sorride lieto e la vita trova bella Se ragione misteriosa a gioir ciascuno appella Questa è ora senza pari, questa è l’ora del campari

Precedente Il film su Bin Laden infiamma l'America Successivo scaricare video gratis da youtube con free youtube download ita

27 thoughts on “L’ORA DEL CAMPARI – Crivel

  1. Machs88 il said:

    Gli Annitrenta rimangono nel cuore anche della gente normale del 2010… ci sarà un motivo.

  2. prometeoXY il said:

    sono certo che con persone che la pensano come noi riusciremo a far capire all’estero, ma ancor piu’ in italia quanto valga il nostro bel paesello!!!
    CIAO!

  3. allegroconmoto il said:

    la conclusione è che dobbiamo andare a produrre all’estero quello che non si riesce a fare più qui : non siamo neanche capaci  di valorizzare i nostri beni ambientali storici ed artistici…

  4. prometeoXY il said:

    peccato che oggi nessuno capisca piu’ l’ importanza dell’ autarchia!

  5. marculus6 il said:

    che tempi ci sara stata anche la guerra, ma in italia ci rivorebbe un altro MUSSOLINI x far riquadrare la nazione….ne destra e ne sinistra di oggi con i loro permessivismi riuscirebbero a farlo…..

  6. walsch80 il said:

    Carico di baldanza tutta italica, mi accingo al lieto calice che ritempra l’anima e rafforza l’ardito spirito….Questa e’ l’ora del Campari…

  7. paloelettrico il said:

    stimo colui che ha messo questa canzone in una pubblicità!ONORE A LUI!

  8. allegroconmoto il said:

    Sono perfettamente d’accordo qui più che il regime si onora l’aperitivo e l’happy hour !!

  9. Hillersir Norberg il said:

    Questo non è un canto fascista ma solo una canzone composta per pubblicizzare un prodotto. Siccome quando questo avvenne erano gli anni del fascimo in un periodo in cui i prodotti autarchici erano in piena produzione e l’autarchia fu fortemente voluta dal regime, così come in tutte le altre propagande sia commerciali, di informazione e politiche era “doveroso” onorare o il duce o il regime.

  10. Giacomo Fadini il said:

    Mah mah. Perdonami ma sono un pelo discorde sul “potere e sul grado di combattimento italiano”
    Dato che siamo entrati a guerra già iniziata e non abbiamo praticamente MAI vinto una battaglia. Nella prima guerra mondiale, con meno mezzi e meno uomini abbiamo fronteggiato un colosso come l’impero austriaco, tenendogli testa e vincendo infine. L’Italia al tempo del fascismo era estremamente DEBOLE. quello che è arrivato fin’oggi è solo propaganda del tempo. Saluti 😀

  11. villasantamaria1 il said:

    E’ da un po’ che non ne bevo, domani vado a comprarlo, l’ avete mai provato con vino bianco? 50/50, delicious, me lo suggeri’ una giovane cameriera a Rimini, alcuni anni fa. Saluti da Naples, FL.

  12. happybecchino il said:

    inchia se te la fà venire la voglia di una sbevutazza di campari stà canzone xD

  13. alex2I3 il said:

    mammamia quante seghe mentali per una canzone pubblicitaria…
    e che volete fa… all’epoca le canzoni erano fatte così…
    fossero fasciste o no…

  14. allegroconmoto il said:

    sì ma più che un inno all’alcool è un invito a concedersi un’ora di spensieratezza,quando si può .
    Come chanson à boire è abbastanza morigerata …piccole dosi serali e uso conviviale…

  15. babus09 il said:

    se estrapolata dal periodo, la canzone non sembra per niente fascista…
    Sembra solo un inno all’alcol XD

  16. barbaracat2010 il said:

    sì la colonna sonora sarà bellissima, e anche il mojito sarà pure molto buono… ma non era Bacardi? TANA! 😀

I commenti sono chiusi.