Crea sito

Tag Archive | "Cameron"

Cameron Duncan – DFK6498 (Sub ITA)

Tags: , ,


Cameron Troy Duncan (20 aprile 1986 – 12 Novembre 2003) è stato uno scrittore e un regista neozelandese. Duncan ha completato molti home video ma solo 2 cortometraggi, DFK6498 e Strike Zone, un film che esprime il suo amore per il softball, oltre a pubblicità e brevi spot, prima di morire di osteosarcoma, un tipo di tumore dell’osso, all’età di 17 anni. Nel 1999 girò uno spot sulla sicurezza nelle strade che venne mandato in onda dal canale locale TVNZ. Nei pochi mesi prima della sua morte, Duncan diventa amico di Peter Jackson e Fran Walsh. La malattia di Duncan ispirò la Walsh a scrivere il testo per la canzone vincitrice del premio oscar “Into the West” per il film “Il Signore degli Anelli – Il Ritorno del Re”. Dopo la morte di Duncan, il suo lavoro e un documentario su di lui sono stati inseriti nell’Extended Edition DVD/Blu-ray set de “Il Ritorno del Re”. In visita sul set de “Il Signore degli Anelli – Il Ritorno del Re”, Duncan conobbe la troupe e il cast, in particolare Viggo Mortensen e Sir Ian McKellen e ricevette una foto autografata da parte di John Rhys-Davies. Duncan avrebbe dovuto fare una breve apparizione nel film, ma a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute dovette rinunciare.
Video Rating: 5 / 5

La Rai rifiuta il trailer di Videocracy “E’ un film che critica il governo” Anche da Mediaset no allo spot del film che racconta l’ascesa delle tv di Berlusconi La tv di Stato esigeva un contraddittorio per rispettare il pluralismo Nelle televisioni italiane è vietato parlare di tv, vietato dire che c’è una connessione tra il capo del governo e quello che si vede sul piccolo schermo. La Rai ha rifiutato il trailer di Videocracy il film di Erik Gandini che ricostruisce i trent’anni di crescita dei canali Mediaset e del nostro sistema televisivo. “Come sempre abbiamo mandato i trailer all’AnicaAgis che gestisce gli spazi che la Rai dedica alla promozione del cinema. La risposta è stata che la Rai non avrebbe mai trasmesso i nostri spot perché secondo loro, parrà surreale, si tratta di un messaggio politico, non di un film”, dice Domenico Procacci della Fandango che distribuisce il film. Netto rifiuto anche da parte di Mediaset, in questo caso con una comunicazione verbale da Publitalia. “Ci hanno detto che secondo loro film e trailer sono un attacco al sistema tv commerciale, quindi non ritenevano opportuno mandarlo in onda proprio sulle reti Mediaset”. A lasciare perplessi i distributori di Fandango e il regista sono infatti proprio le motivazioni della Rai. Con una lettera in stile legal-burocratese, la tv di Stato spiega che, anche se non siamo in periodo di campagna elettorale, il pluralismo alla Rai è sacro e se nello spot di un film si ravvisa un critica ad una parte
Video Rating: 4 / 5

Related sites